venerdì 16 ottobre 2015

Marmellata o Confettura? (Seconda parte)


Come promesso ecco i “segreti” o meglio i consigli per la preparazione di marmellate e confetture perfette, o quasi!

- Pazienza ed esperienza: la cottura della marmellata, soprattutto se fatta in casa, è una cottura molto lunga, bisogna aver pazienza e tanta, ma tanta voglia di mescolare! L’esperienza aiuterà a non commettere quei piccoli errori di dosaggio di zucchero o di frutta che, spesso, si finisce per compiere, soprattutto se si è alle prime armi;

- La frutta deve essere sana, fresca e arrivata ad un giusto grado di maturazione;

- Attenzione particolare va prestata ai frutti più “delicati”, come le fragole ad esempio o i frutti di bosco, che andranno lavati con molta accortezza, ma soprattutto con il picciolo, in modo da non far entrare l’acqua all’interno dei frutti, aiutiamoci con uno scolapasta per questa operazione;

- Asciugate la frutta con uno strofinaccio di cotone o meglio ancora in microfibra;

- I vasi dove metterete la marmellata dovranno essere puliti, asciutti e sterilizzati;

- Riempite i vasi con la marmellata calda, richiudeteli e capovolgeteli, creando così il sottovuoto;

- Occhio al dosaggio dello zucchero: più la frutta è zuccherina, meno zucchero si dovrà utilizzare;

- Il succo di limone va utilizzato con fragole, pesche e albicocche; se ne può fare a meno se si utilizza frutta come mele o arance;

- Per sentirsi più sicuri, le prime volte, si possono utilizzare anche prodotti a base di pectina (un addensante presente naturalmente nella frutta), da usare durante la preparazione in modo da avere la marmellata della giusta consistenza (tra l’altro dimezzano e di molto, il tempo di preparazione);

- Come capiamo se la marmellata o la confettura è pronta? Metodo della nonna era quello di mettere un po’, circa un mezzo cucchiaino di composto, su di un piattino che poi inclinava, se la marmellata scendeva molto lentamente, o tendeva a fermarsi, era pronta, al contrario se la goccia era molto “liquida” ci voleva ancora del tempo.



Consiglio Bonbonton.. mania: Torniamo a regalare “prodotti” fatti in casa, da noi, soprattutto con l’arrivo delle prossime feste di Natale. Ad esempio, un presente molto indicato e di sicuro molto apprezzato sarà, appunto, qualche un bel vasetto di marmellata o confettura preparata in casa e confezionata in dei bei barattoli di vetro, con i “tappi” ricoperti di stoffa sui quali incolleremo dei piccoli fiori, delle piccole pigne, castagne o qualsiasi piccolo oggetto o frutto che renderà i nostri vasetti personalizzati e simpatici, che naturalmente chiuderemo con un bel nastro che faremo “passare” proprio intorno alla circonferenza dei tappi, a mo' di sciarpina, formando un bel fiocco! Non dimentichiamoci di apporre, per finire, una bella “etichetta” colorata su ogni barattolo che indicherà, scritto “a mano”, il nome del frutto usato per la preparazione, mettiamo tutto in un piccolo cesto di vimini et voilà il regalo è pronto!

Nessun commento:

Posta un commento