sabato 12 dicembre 2015

12 Dicembre, Puglia

È considerata una delle capitali Italiane del Natale per i suoi bellissimi Presepi, soprattutto quelli della provincia di Lecce. La tradizione della rappresentazione della “Natività”, si ha già dall’Ottocento, quando ogni famiglia Pugliese allestiva il proprio Presepe grazie ai materiali forniti dagli artigiani, come gesso, terracotta o cartapesta, con le quali venivano realizzate preziosissime figure. La cartapesta, in particolare divenne un materiale innovativo, veniva trattata a fuoco e modellata su di uno scheletro di ferro e stoppa. Non vanno poi dimenticati i tipici canti natalizi, accompagnati dal suono delle zampogne, con i quali i piccoli, e non solo, allietano le giornate di Dicembre fino al giorno di Natale. Legata alla “Terra” è anche la tradizione culinaria di questa regione, già dalla metà di Novembre, si cominciano a “scaldare i fuochi”, ed ogni abitante, che sia di un piccolo centro o di una grande città, “rispolvera” le antiche ricette di famiglia.
Famosissimi dolci tipici regionali sono le Carteddate, dolcetti che riproducono la forma delle lenzuola del Piccolo Gesù Bambino.


Ingredienti:

½ kg di farina 00;
20 grammi di lievito di birra;
1 bicchiere di vino bianco dolce;
250 grammi di miele o vin cotto;
zucchero a velo;
cannella in polvere;
0,7 dl di olio e.v.o.
Olio per friggere;
sale.



Preparazione:

Su di una spianatoia lavorate la farina con il lievito che avrete fatto sciogliere in un po’ di acqua tiepida, e un pizzico di sale; poco alla volta aggiungete l’olio e.v.o. ed il vino, fino ad ottenere un impasto elastico che lascerete lievitare, coperto e al caldo, per circa 2 ore. Trascorso questo tempo, stendete la sfoglia molto sottile. Con la rondella dentata, formate delle strisce larghe 5 cm e lunghe circa 50 cm. Ripiegate le strisce su se stesse, nel senso della lunghezza, premetele in alcuni punti che distanzierete di circa 2-3 cm l’uno dall’altro, questo serve a non farle aprire durante la cottura. Arrotolatele a spirale formando una sorta di bocciolo di rosa. A questo punto friggetele nell’olio ben caldo e sgocciolatele. Scaldate in una casseruola il miele e quando sarò molto caldo immergetevi le carteddate. Una volta fatta questa operazione, disponetele su di un piatto da portata, cospargetele con zucchero a velo e cannella e servite.



(Bibliografia: ricetta tratta da “L’Enciclopedia della cucina Italiana, Piccola Pasticceria, volume 13. La Biblioteca di Repubblica. Istituto Geografico De Agostini S.p.A., Novara 2006; Natale, lo Spirito e la Festa. A cura di Centro studi MAMRE by Mondolibri S.p.A., Milano, 2005)

 

Nessun commento:

Posta un commento