mercoledì 9 dicembre 2015

9 Dicembre, Sicilia


Fulcro del Natale, in questa regione, è la Messa di Mezzanotte, notte in cui si ritiene che tutto possa accadere. Particolare attenzione è volta al Cenone che non viene iniziato prima dei 12 rintocchi delle Campane, Campane che scandiscono l’arrivo della Notte Santa, le portate sono molto e differenti, ma l’unica cosa che non deve mi mancare sono i “nuciddi”, le nocciole che vengono gustate ma si usano anche come “posta” nei vari giochi. Una vecchia tradizione Siciliana narra che i doni ai bambini e agli adulti, non venissero consegnati da Babbo Natale il 25 Dicembre, ma dai defunti, nella notte del 2 Novembre, quando si credeva che le anime dei propri cari abbandonassero la loro “casa” ed andassero in giro per negozi a “rubare” i doni da portare a chi aveva fatto “il buono”, mentre per i “cattivi” c’erano solo del carbone, delle scarpe bucate e delle bucce d’arancia.
Ieri sera, “all’ombra” del mio Albero di Natale, ho avuto la fortuna di mangiare un tipico dolce Siciliano, non Natalizio, ma credetemi, non ha nulla da invidiare a tutti gli altri dolci del periodo!!! Eccovi la ricetta, per la quale, ringrazio lo zio Massimo, uno dei più bravi pasticcieri che abbia mai conosciuto!!!!


Raviolo dolce

Ingredienti:

Rotolo di pasta sfoglia già pronta;
 500 grammi di ricotta;
250 grammi di zucchero;



Preparazione:

Setacciate la ricotta, aggiungetevi lo zucchero e con l’aiuto di una frusta amalgamate il composto. Prendete la sfoglia che stenderete non troppo alta (circa 2 mm), tagliate dei quadrati e farciteli con la ricotta, spennellate due lati di ogni quadrato con dell’uovo e ripiegatelo a fazzoletto (a forma di triangolo, per capirci). Infornateli a 180 gradi fin quando non saranno dorati, spolverizzateli, una volta sfornati, di zucchero a velo, o se vorrete gustarveli ancora di più, cospargeteli, ancora caldi, di miele.

Natalconsiglio: Nella farcia, con la ricotta, potete anche aggiungere delle gocce di cioccolato!!!

(Bibliografia: Natale, lo Spirito e la Festa. A cura di Centro studi MAMRE by Mondolibri S.p.A., Milano, 2005)

Nessun commento:

Posta un commento