martedì 16 febbraio 2016

Liquore d'arancia aromatizzato al caffè


Questa “chicca” ve la propongo in questo periodo, anche se una volta preparato, il liquore va tenuto in infusione per almeno due mesi prima di prepararlo e gustarlo, quindi sarà ottimo come “compagno” delle serate primaverili e troverà la sua giustissima collocazione servito freddissimo in estate.

Ingredienti:

2 arance non trattate;
20 zollette di zucchero;
1 stecca di vaniglia;
40 grani di caffè;
1 litro di Acquavite.

Preparazione:

Lavate le arance, incidetele in tanti piccoli punti dove inserirete i grani del caffè, circa 20 per ogni arancia. In un barattolo capiente e ad chiusura ermetica, versate le zollette di zucchero, la stecca di vaniglia e le arance preparate come descritto in precedenza, in ultimo versate l’Acquavite. Chiudete il barattolo e conservatelo in un luogo fresco e al buio per due mesi, ricordandovi, ogni tanto di agitare il recipiente. Una volta trascorso il tempo di conservazione, tirate fuori le arance dopo averle ben spremute nell’Acquavite (basterà strizzarle con le mani) e filtrate il tutto con una garza. Imbottigliate il liquore e conservatelo al buio per circa una settimana. Servitelo freddissimo o con ghiaccio.

(Bibliografia: ricetta rivisitata, tratta da “L’Enciclopedia della cucina Italiana, Caffè, Liquori e Grappe, volume 16. La Biblioteca di Repubblica. Istituto Geografico De Agostini S.p.A., Novara 2006).

Nessun commento:

Posta un commento