lunedì 14 marzo 2016

Colonna sonora


Avete mai pensato ad una canzone che fa da colonna sonora alla vostra giornata? Alcune canzoni, spesso mi sembrano scritte proprio per le giornate che vivo e la cosa mi rende più felice o meno triste, pensando che l’Autore ha provato più o meno le stesse sensazioni che provo io nel momento stesso in cui vivo proprio quel giorno.
La canzone che fa da colonna sonora a questa mia giornata triste, pensando a tutti gli avvenimenti successi in queste ore è "Ninna nanna nanna ninna" di Claudio Baglioni, che nella sua stesura ha avuto come spunto la poesia di un grandissimo poeta romano: Trilussa, che nel 1914 scrisse “La ninna nanna della guerra”.
Vi propongo, oggi, il testo della canzone di Baglioni; questa, come dicevo è la colonna sonora della mia giornata, giornata grigia come il Cielo e come il cuore…

Ninna nanna nanna ninna

Ninna nanna, nanna ninna
er pupetto vo' la zinna
fa' la ninna, dormi, pija sonno
che si dormi nun vedrai
tant'infamie e tanti guai
che succedono ner monno
tra le bombe e li fucili
per i popoli che so' civili

Ninna nanna tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la pora gente che se scanna
che se scanna e che s'ammazza
a vantaggio della razza
de la gente che se scanna
per un matto che comanna
e a vantaggio pure d'una fede
per un Dio che nun se vede

ma che serve da riparo
ar re macellaro
che sa bene
che la guera e' un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe' li ladri delle borse.

Ninna nanna, ninna nanna
ninna nanna ninna nanna
ninna nanna ninna nanna
ninna nanna ninna nanna

Fa' la ninna, fa' la nanna
fa' la ninna che domani
rivedremo ancora li sovrani
che se scambiano la stima
boni amichi come prima
so' cugini e fra parenti
nun se fanno i comprimenti
torneranno ancora più cordiali
li rapporti personali.

Senza l'ombra d'un rimorso
sai che ber discorso
ce faranno tutti insieme
su la pace e sur lavoro
pe' quer popolo cojone
risparmiato dar cannone.

Ninna nanna ninna nanna
ninna nanna ninna nanna
ninna nanna ninna nanna
ninna nanna ninna nanna

(La canzone fa parte dell’album “E tu…” , pubblicato nel 1974, RCA Italiana)

Nessun commento:

Posta un commento