mercoledì 19 ottobre 2016

Dolcezza e tenerezza... da mangiare!


Abbiamo parlato delle Nozze d’Oro, eccovi una ricetta golosissima, il latte fritto dolce, che racchiude in sé, appunto, la dolcezza e la tenerezza, due fondamentali parole che non devono mai mancare nella vita di ognuno di noi, soprattutto quando ci si è scelti per affrontare “in due” il cammino della vita!

Ingredienti per 4 persone:

1 litro di latte;
180 grammi di farina;
8 uova;
6 cucchiai di zucchero di canna;
1 limone non trattato di cui useremo metà della buccia grattugiata;
200 grammi di pane grattugiato; 
2 cucchiai di zucchero a velo;
olio per friggere.

Preparazione:

Separate gli albumi (che conserverete in una terrina) dai tuorli, mettete questi ultimi un pentolino antiaderente abbastanza capiente, versate, poi, lo zucchero di canna, la buccia grattugiata del limone e con un forchettone di legno lavorate il composto fin quando non abbia assunto una consistenza cremosa, a questo punto, a pioggia, aggiungete la farina e poi il latte, versandolo “a filo” avendo cura che non si formino grumi. Mettete il pentolino sul fuoco dolce, portate ad ebollizione e fate cuocere a fuoco basso, per un’ora mescolando in continuazione. Prendete una pirofila larga e bassa, bagnatela con dell’acqua fredda e versateci il composto (l’ideale sarebbe di stenderlo con uno spessore di circa 2 dita), fatelo raffreddare fino a quando si staccherà delle pareti della pirofila, a questo punto tagliatelo a quadratini di circa 4 cm di lato. Riprendete gli albumi e sbatteteli leggermente, prendete i vostri quadratini e passateli prima, appunto, negli albumi e poi nel pane grattugiato, friggeteli in abbondante olio e toglieteli non appena assumeranno una bella colorazione dorata; sgocciolateli su della carta assorbente, ancora caldi trasferiteli su di un piatto, cospargeteli di zucchero a velo e portate in tavola.

(Bibliografia: : Ricetta rivisitata tratta da “L’Enciclopedia della cucina Italiana, Piccola pasticceria”, volume 13. La Biblioteca di Repubblica. Istituto Geografico De Agostini S.p.A., Novara 2006).




Nessun commento:

Posta un commento